Dietro le impalcature innalzate per il restauro del 1905 intravediamo parte del Portico d’Ottavia fatto costruire dall’imperatore Augusto che costituiva un comodo accesso al Teatro di Marcello e dedicato sua sorella Ottavia. In realtà quella che vediamo è una piccola parte rispetto alla struttura che prevedeva ornamenti di numerose opere d’arte tra cui 24 statue equestri raffiguranti Alessandro Magno ed i suoi ufficiali e Cornelia, la madre dei Gracchi. Inoltre alle sue spalle si trovavano, all’interno di un doppio colonnato, due templi dedicati a Giunone e Giove, oltre che una biblioteca. Venne più volte restaurato, da Domiziano nell’80 d.C. e succesivamente nel 191 d.C. da Settimio Severo. La lucertola e la rana a firma dell’opera si deve rispettivamente a Sauro e Batraco, gli architetti che curarono il complesso.

  • Anno: 1905
  • Fotografo: Sconosciuto
  • Posizione: Via del Portico d’Ottavia
  • Fonte: Storia Fotografica di Roma 1900-1918

Use the central handle to move the curtain and see the two superimposed images. If it should not be totally visible, it is possible to put it in full screen with the button at the top right of the image.